Centotrenta persone a tavola, servite con puntualità e soddisfatte del menù. Meglio di così non avrebbe potuto andare la prima cena di “Pesce d’Autore”, che si è svolta giovedì 24 gennaio nella sala della Fondazione Il Sole.

C’è davvero tanta soddisfazione fra i soci delle cooperative Raggi di Sole e Zefiro, per come si sono svolte le cose in occasione di quella che nelle intenzioni dei due sodalizi è stata la prima cena di un ciclo che dovrebbe avere un lungo corso. «L’obiettivo – spiega il presidente della “Raggi di Sole”, Massimiliano Frascino è quello di poter organizzare almeno un appuntamento al mese con “Pesce d’Autore”, offrendo un menù qualificato a costi accessibili. Per noi potrebbe esseere un’integrazione al reddito aziendale che ci consentirebbe di stare più tranquilli rispetto agli equilibri di bilancio».

Dello stesso tono il commento di Daniele Conti, prexidente della cooperativa di pesca “Zefiro”. «Non era facile partire subito bene con 130 persone da servire, ma mi pare di poter dire che ci siamo riusciti. La formula conviviale della cena e la qualità del pesce servito sono stati apprezzati. Ora dobbiamo pensare al prossimo menù di febbraio, sempre a base di pesce di stagione pescato nel nostro mare».

Il menù servito giovedì 24 gennaio era il seguente: Antipasti: tartare di gambei e pesce azzurro; moscardini in umido e alici marinate. Trecce di pasta all’uovo al sugo di cefalo. Frittura mista e insalata verde. Macedonia.

Il prossimo appuntamdnto con le cene di “Pesce d’Autore” si terrà tra metà e fine febbraio, sempre alla Fondazione Il Sole [ne sarà data temepstiva comunicaione].

 

GUARDA LA FOTOGALLERY COMPLETA