In Francia, dopo l’autismo, sono le disabilità rare a determinare la maggior parte delle situazioni critiche. Proprio a sostegno di questi casi, spesso complessi e difficili da identificare, è stato lanciato il “2° Schema Nazionale per le disabilità rare”.bea44

Fino al 2018 il programma continuerà il lavoro multidisciplinare svolto dal precedente Schema e porterà, inoltre, avanti gli sforzi di organizzazione e coordinamento delle risposte a livello locale, regionale e nazionale. Tuttavia, nella sua nuova forma, cercherà di tenere maggiormente in considerazione l’esperienza e il know-how delle famiglie e di aumentare la partecipazione delle associazioni che operano in questo settore. Perché, come ammette Ségolène Neuville – Segretario di Stato incaricato delle persone disabili e della lotta contro l’esclusione – “Le famiglie sono un reale sostegno per i professionisti e le istituzioni. In cambio della loro diretta esperienza noi offriamo loro aiuto e dispositivi a supporto nella vita di tutti i giorni”.