Dall’otto ottobre 2016 l’Attività occupazionale si svolgerà su sei giorni alla settimana, aggiungendo la mattinata del sabato al vecchio orario distribuito dal lunedì al 2016-10-08-photo-00000107venerdì. «Una scelta – spiega il coordinatore delle attività della Fondazione Il Sole, Roberto Marcucci – che abbiamo fatto per andare incontro anche alle esigenze dei familiari delle persone con disabilità, che così avranno un po’ più di libertà in un giorno che per molti non è lavorativo e viene dedicato alle incombenze familiari. Chi frequenta l’attività occupazionale, allo stesso tempo, avrà ulteriori occasioni di socializzazione soprattutto per vivere la città».

L’orario dell’attività occupazionale rimane invariato dal lunedì al venerdì (9:00-15:00), mentre quello del sabato sarà dalle 9:00 alle 13:00, senza il pranzo. A questa attività si aggiungono “Tempo libero No tempo vuoto”, la Riabilitazione equestre, i progetti “Autonomia possibile” (residenziale) , “Giochiamo insieme” e i “Week-end dell’autonomia”. Un ventaglio ampio di servizi per il durante e dopo di noi che sono potenzialmente in grado di coprire tutta la giornata per sei giorni su sette.

«L’Attività occupazionale – spiega il presidente della Fondazione, Massimiliano Frascino – nasce sul presupposto di dare vita a un “diurno diffuso” nella città, che desse la possibilità alle persone disabili di svolgere attività e laboratori in tanti contesti diversi, entrando in relazione con più persone. L’altro obiettivo era quello di offrire un contenitore che occupasse la parte della giornata corrispondente più o meno all’orario scolastico. Ora con l’estensione alla giornata del sabato, abbiamo chiuso il cerchio offrendo un servizio completo alle famiglie».

Nelle foto, il primo sabato dell’Attività occupazionale, iniziato con la colazione al bar e proseguito con la gara “Masterchef” di dolci e insindacabile giudizio di un’autorevole giuria.

Chi fosse interessato, può contattare Roberto: 338-8260557, coordinatore@fondazioneilsole.it