Una mattinata in canoa lungo il tratto finale dell’Ombrone, nel parco della Maremma. È l’esperienza che hanno fatto stamani tredici ragazze e ragazzi che frequentano il progetto Canoa-12“Tempo libero, No tempo vuoto“, tre dei quali si muovono in carrozzina. Con loro sette operatori della Fondazione Il Sole-Aggbph e il personale della cooperativa Silva, che gestisce il servizio visite con le canoe nel parco della Maremma.

«L’escursione – spiega Rachele Blijmberg, operatrice della Fondazione – è durata un paio d’ore. Ci siamo divisi in due gruppi e abbiamo preso posto su due grosse canoe. Per i ragazzi è stata un’esperienza entusiasmante e si sono particolarmente divertiti. Quello che costantemente cerchiamo di fare con le nostre attività, è creare le condizioni per renderli protagonisti e per aiutarli a conquistare spazi di autonomia e autodeterminazione. In questo senso, poter fare un’escursione in canoa lungo il fiume costituisce un’occasione di mettere alla prova le proprie abilità e il proprio autocontrollo. Penso in particolar, ad esempio, ai ragazzi in carrozzina o con difficoltà motorie e di coordinamento dei movimenti, oppure alle fobie di cui soffrono le persone con autismo».

 

Canoa-15   Canoa-6

FONDAZIONEILSOLE_5x1000_2015_200x140_R23